Non un sasso indietro Vol​.​II

by AA.VV.

/
  • Streaming + Download

    Includes high-quality download in MP3, FLAC and more. Paying supporters also get unlimited streaming via the free Bandcamp app.

    with the download you will find the booklet (Ita/eng version) and the front/rear cover
    Purchasable with gift card

      name your price

     

1.
Le mat 02:27
Pronto per un viaggio di andata e senza numero Un'energia purissima che non conosce oblio La mia follia vitale portata al super limite Io sto guardando avanti io guardo verso il caos Intelligenza estrema non vedo compromessi La mia spirale d'odio poi ti travolgerà Mi vogliono rinchiuso legato e con le pillole Ma l'orologio gira per la tua normalità Io sono sempre in fuga lontano dalle diagnosi La medica morale non mi comprometterà L'azzurro come il cielo nel quale volo libero Un pieno di follia per la mia lucidità.
2.
Rewild 03:12
Do you wanna do or just appear to? Do you wanna be or be seen? Do you want to make the point or be the one who made it? Oh were you born to lead? You think you're born to lead Try and lead me Rewild rewild resist resist The structures are violent The structures persist Do you wanna do or just appear to? Do you wanna be or be seen? Were you present in the picture? Did it make the whole thing richer? Did you connect with a person or just with your projection? Did you see their story in their eyes? Or did you just check out your reflection? Will you act now? Will you act? Rewild rewild resist resist The structures are violent The structures persist What do you care about? Have you asked yourself? What do you care?
3.
Tragedy 01:47
He left all he knew one day In hope for better life One man carrying the torch Of change for his while tribe Why can't we see? That we are all the same We're raised to see only groups Not human beings He meets so much fearfull hatred from ignorent frozen hearts They blame him for all their problems Forgetting they we're once in his side Why can't we see? That we are all the same We're raised to see only groups Not human beings
4.
corpi adagiati su corpi irride il boia aguzzino non c’è più tempo da perdere che è già troppo tempo sarà una notte bellissima saranno giorni migliori sarà che è tempo di muovere che è già troppo tempo che ne sia valsa la pena che sia da esempio per noi senza più uscite di scena senza trionfi da eroi saranno notti bellissime saranno giorni migliori saranno tempi da vivere e intensi bagliori colpirne uno colpirne cento la gioia è armata e ancora il cuore non si è spento
5.
Soltanto un altro giorno d’odio, una nuova schiavitù Un ingranaggio nel sistema, un altro esperimento La rabbia consola e brucia, alimenta le coscienze Muove i passi sul terreno verso un mondo nuovo E non aspetto che la morte si occupi di noi Lottando per un cambiamento che non vedrò mai Combatteremo a testa alta e nervi tesi contro Fascismo e capitale Stato e repressione E il silenzio delle masse un’altra forma prenderà Autogestione, mutualismo, lotta e solidarietà Una coscienza che germoglia, combatte l’autorità Non si esaurisce nella lotta, crea la sua libertà
6.
Stanno condannando il tuo futuro con l `inganno Di una migliore vita,già compromessa ora Pianificazione di un progetto per il loro continuo arricchimento,per te soltanto briciole. Verso il precipizio Verso la miseria Sarai tu a pagare il loro buco Nel sistema,col tuo presente precario ed un futuro inesistente,banche e burocrati ti hanno messo un cappio alla gola,governo dei tiranni per una vita in agonia. Verso il precipizio Verso la miseria.
7.
What the hell is going on? Freedom lost and peace has gone Just take a look what you had done People seeking justice and not for fun Coup d'etat rampas kuasa Radical army warned you threat Death calling sirens and attack Every single word sparked crisis Let's start a war against fascist coup d'etat rampas kuasa Corrupted bastard with their greed Excessive hunger for their needs Abuse their power of immunity Let say no more to conformity coup d'etat rampas kuasa I believe there is some we can do about it Something that can put the fascist government down rampas kuasa What the hell is going on? Freedom lost and peace has gone Just take a look what you had done People seeking justice and not for fun coup d'etat rampas kuasa
8.
Ricchi bastardi si danno da fare Per trasformare tragedie in affare Giacche, cravatte e facce pulite, Lucrano allegri sulle nostre vite Soltanto odio per voi, soltanto odio per Questo sistema mi fa vomitare, La gente muore tirando a campare Siamo pedine da manipolare E nella merda ci fanno affondare Soltanto odio per voi, soltanto odio per voi Dalle poltrone ci stanno a guardare O salmodiando davanti ad un altare, Fanno promesse per farsi votare, Vogliono sudditi da comandare Soltanto odio, soltanto odio per voi
9.
CPT 03:08
Le senti quelle urla? Vengon da lassù pezzo di merda vengon dalla gru. Scusa tanto amico se ho la pelle di un altro colore scusa se mi serve un cazzo di dottore. Chi ha detto è giusto chi ha detto è sbagliato son'uomo anch'io non immigrato. Che è successo? Pasto scaduto sbarre alla finestra botte da destra sopra la mia testa senza permesso sono arrivato in questo cesso dove negro è vietato rinchiuso, umiliato e picchiato. Centro di permanenza e... tortura!
10.
Detenuto! Non ricordo chi sono strappato deriso umiliato e ucciso Mi hanno levato le mie passioni speculando su di me aprendo a tutti le prigioni Merde Non ho fatto niente! Pressato in un angusto spazio abbracciato da tristi ricordi di un viaggio di dolore Sconto insensatamente una colpa che non ho! Deprivato di ogni dignitá Costretto a guardare il cielo dietro a queste sbarre Un obbiettivo assurdo e lontano sognare di nuovo la libertá
11.
State enemy 03:37
You were born as a number you didn't know much about anything about the people around you about the life you will go through! Your childhood was a happy moment you didn't realise the things to come! Everything people did seemed right to you. Everything people sad seemed right to you. But when you grew up, you saw a different way you saw torture, you saw pain you saw death, you saw misery; this is why you became state enemy! State enemy - because you don't won't to listen! State enemy - because you wanna fight for human rights! Your life has changed through the night you started to fight for human rights you demonstrated fight with the police all this because you want peace! But NO, they don't realise that you are fighting for humanity But No, they don't realise so they must accuse you of being state enemy! We are all and we will always be - state enemies!
12.
Negli occhi 01:53
Ricordi quel mare in tempesta, e quelle menzogne che annegano i tuoi desideri. Ti nutri di quello che è stato, costretto a fuggire da una storia che si ripete. Ma se ti guardi dentro la trovi la forza per ricominciare a lottare, un chiodo ficcato nel petto, e quella paura ti resterà impressa negli occhi per sempre! Davanti alle sterili attese li vedi ogni giorno quei fragili corpi senz'ali, hai visto certezze crollare.. cambiare, obbedire, spogliarsi dal proprio dolore. Ma se ti guardi attorno li trovi i compagni per ricominciare a lottare, un chiodo ficcato nel petto, e quella paura che lascerà spazio alla fame d'azione! La tua fame d'azione.
13.
Senso d’orientamento annientato da un fatale girotondo Restano canzonette al cianuro Per giullari del disprezzo a una corte matrigna E i compagni della propria miseria complici Essere un disadattato ti rende accattivante agli occhi altrui Solo ed esclusivamente se non lo sei davvero Mi sforzo d’osservare mondi coesistenti e tristemente distanti Incastrato la dove convergono l’ostile e l’ingenuo Mentre occhiate aliene restano/rimangono impigliate Al nero disilluso dei tuoi vestiti Tra le linee grezze di quei tatuaggi che ormai hanno tutti
14.
Migranti affidati alle sorti di un barcone Per scappare dalla guerra,dalla fame e dal terrore Persone segregate,imprigionate e occultate Stippati come merce affrontano il dolore Detenuti nei lager E' l'accoglienza Detenuti nei lager E' l'esigenza Detenuti nei lager E' la violenza Questa e' l'espressione democratica dello stato italiano! Rinchiusi nelle celle fatte apposta per annientarti Senza luce ne'conforto,psicofarmaci per sedarti Persone percosse,disumanizzate, Trovano piu' violenza che da dove sono scappate Detenuti nei lager E' l'accoglienza Detenuti nei lager E' l'esigenza Detenuti nei lager E' la violenza Soldi e ancora soldi per costruire i lager Centri di accoglienza senza nulla da mangiare Svariati milioni in tasca a questi boia Per garantire solo morte e malattia Frontiere libere! Ancora lo stato si ostina a parlare di sicurezza, Ma il diritto umano e' leso e la storia e' sempre la stessa L'ennesimo esercizio di repressione e violenza Benvenuti in italia il filo spinato e' l'accoglienza Benvenuti in italia Il filo spinato e' l'accoglienza Benvenuti in italia L'ennesimo esercizio di repressione e violenza
15.
Altari 02:14
Flussi costanti di illusioni vigilano i droni gli schiavi non VEDRANNO IL DOMANI Mani strette nella morsa di un'esistenza vuota il tempo è una RUOTA AFFILATA Tagli sezionano la carne incidono le braccia che penzolano OLTRE LE SBARRE Quando nel buio della cella riecheggia una risata allora saprai Esiste un demone che abita ancora le notti in cui chiedi il perché della follia di una terra in perenne guerra altari innalzati e dannati si nutre di noi Nebbia ovunque e si confonde il cielo si contorce ma resta ANCORA A GUARDARE L'empio rituale collaudato il patto è stato scritto con il tuo SANGUE DANNATO Nato con la condanna in fronte nemmeno con la morte si sfuggirà a QUESTA TORTURA Dura infame e massacrante, ma un' anima innocente col fuoco in vena RISORGERÀ Esiste un demone che abita ancora le notti in cui chiedi il perché della follia di una terra in perenne guerra altari innalzati e dannati si nutre di noi Esiste un demone che abita ancora le notti in cui chiedi il perché della follia di una terra in perenne guerra altari innalzati e dannati si nutre di noi
16.
Naufraga 02:03
Quanto tempo occorre per andare dalla Libia all'Italia? Quanto tempo occorre per attraversare il mare? Quanto é lunga una notte col terrore tra le gambe? Una vita intera, una vita intera Naufraga, la speranza Naufraga, il sogno Naufraga Naufraga , la vita! Umanitaristi in divisa grigio-verde Delineano col sangue la linea di frontiera Navi militari per pattugliare i mari combattono la guerra agli iloti del pianeta Ma chi lo ha deciso che questo mare é nostrum chi lo sporca col sangue son mani d'assassino
17.
Those that do There are those that do. And those that don’t. Those that will. And those that won’t. Those that soar. And those that fly. Those that quit. And just won’t try. In all of those, which one are you? The choice is yours, get up and do
18.
Fronteras 02:21
fronteras , cicatrices en la tierra fronteras , cicatrices en la tierra marcadas por intereses de unos cuantos bajo unas leyes a las que hay que obedecer el mundo en pedazos han pintado a ver cual es el mas cruel fronteras , cicatrices en la tierra fronteras , cicatrices en la tierra Causando la mayoría de los conflictos para gobernar al mayor número de individuos pedazos manchados de sangre dueños de nada dueños de nadie
19.
Fuga 03:15
La realtà aggredisce frantuma sconvogle sconvolege aggredisce frantuma le proprie certezze La libertà svuotata di senso è soltanto una gabbia per tutti Vogliamo aprire le porte scardinare quel cupo cancelllo se arde il cuore il pensiero bisogna bruciare i permessi Una volta varcato il confine guardare all' indietro non ha più senso eppure quell'istante brucia dentro Determina il percorso della dignità Cercavano la pace e il rispetto ora scoprono qui lo stesso mondo orrendo. La realtà aggredisce frantuma sconvogle sconvolege aggredisce frantuma le proprie certezze La libertà svuotata di senso è soltanto una gabbia per tutti Vogliamo aprire le porte scardinare quel cupo cancelllo.
20.
I muri più spessi Cammina, cammina ed il treno l’investe Sulle rotaie delle vostre sicurezze Tra i muri, dietro i muri, dentro i muri le persone Sempre più al riparo dalle proprie paure Si accendono focolai Di sterili discussioni Mentre dietro i muri muoiono i “problemi” Annega e scompare per sempre Dentro il mare delle vostre coscienze Putride ed infette Lavate a frasi fatte Putride ed infette Lavate a frasi fatte Navi di carte bianche Solcano i mari Trasformandosi in guadagni e capri espiatori Si scatena lo sciacallaggio Le aste degli avvoltoi Aste degli avvoltoi La storia fa il suo corso, seguendo il “causa effetto” E la risposta è un muro, mai un tetto Ma i muri più alti i muri più spessi I muri più alti i muri più spessi Son fatti di paure, illusioni e complessi I muri più alti i muri più spessi I muri più alti i muri più spessi
21.
All the power from the skies and the shadows path from pain and the humans from silence creative forms of fears All the empire from the skies and the shadows path from pain and the humans feel free? creative forms of fears Corrupted Destroyed Controled for gray state films for moon films on martial law Creative forms of fears.
22.
Posso solo urlare finché perdo il fiato: tutte i manicomi si chiudono col fuoco, ma coi dottori dentro, se no è troppo poco. tutte le galere si chiudono col fuoco, ma con le guardie dentro, se no è troppo poco. Posso solo urlare finché perdo il fiato. Ora perdo il fiato.
23.
Roadside 02:49
A roadside bomb went off today, a poor young life got thrown away. Girls and boys come out and play with a 38 or an AK. AAARRGGHH OH ARH Roadside Bomb. Iraq and Afghanistan it's another Vietnam, and the next stop is Iran, North Korea against Japan Roadside Bomb.
24.
Capri espiatori di una società assetata di sangue Spara sullo straniero! Paura terrore da impero chiama cieca violenza Morire di stato UNA LINEA UN FUCILE UNA GUERRA UN CONFINE Mai più individui ma solo sudditi UNA LINEA UN FUCILE UNA GUERRA UN CONFINE Mai più liberi ma solo vittime Morire di speranza nutrita dallo stesso nostro sangue Assassini Persone come cose la mia rabbia arde il mio rancore brucia UNA LINEA UN FUCILE UNA GUERRA UN CONFINE Mai più individui ma solo sudditi UNA LINEA UN FUCILE UNA GUERRA UN CONFINE Mai più liberi ma solo vittime La mia libertà non vale un cazzo se è il limite ad un'altra e gli stati e le nazioni sono il vero nemico dell'uomo e non puoi fare finta che non esistano che spariranno agisci contro ogni deportazione azione diretta-sabotaggio
25.
Come si può chiamare questo nostro vivere "vivere liberi" Quando ogni aspetto è un rimando al cuore del Tiranno Le gabbie della mente, le mura di una cella, non distinguerai Teste conficcate sopra picche arrugginite decorano il cuore del Tiranno Perchè qui l'unica umanità resta ai topi Qui l'umanità resta ai topi Il blindo si chiude se si chiudono gli occhi Restano i volti, raffiorano i mostri Amori, famiglia, lavoro, ossessioni ...di noi cosa resta?! Larve dagli occhi assenti Con unghie e denti frugheranno in te Ricercano la luce sottratta al Tiranno Vite normali in cambio il loro ricatto Perchè qui l'unica umanità resta ai topi Qui l'umanità resta ai topi Non lasciare che ti prendano vivo.
26.
Urla veleno 01:46
Urla veleno infettagli i cervelli urla veleno urla veleno poche alternative urla veleno La paura preserva l´ordine delle cose Urla veleno infettagli i cervelli urla veleno urla veleno poche alternative urla veleno urla veleno intossicali tutti urla veleno...
27.
Le notti cariche di sogni su sentieri antichi, scappano le genti da guerre di pensieri già viste e già vissute con rabbia e frustrazione rimbalzano sui nuovi muri eretti dalla nostra ideologia giocano inermi i bambini su un risiko reale poi di nuovo a correre su binari infiniti si infrangono speranze ad un passo dal confine rotaie come rette parallele sembra che s'incontrino, ma non accade mai e noi qui seduti sulle nostre risorse in esaurimento costante solo capaci di giudicare gli altri passivamente indignati dall'ipocrisia Occhi rivolti indietro alle città devastate e le braccia tese verso un incerto domani la dignità non manca, ma è messa a dura prova giocano inermi i bambini su un risiko reale poi di nuovo a correre su binari infiniti si infrangono le speranze ad un passo dal confine rotaie come rette parallele sembra che s'incontrino, ma non accade mai
28.
Bourreaux 03:14
La violence assure une fidélité erronée. Chérir par la terreur. Souffrance pour motifs désuets. Sévices, peines corporelles. Barbarisme injustifié. Effroi du vice et du supplice. Tortionnaire, je serai ton bourreau, (le bourreau du bourreau) Mon imagination au service de ta souffrance. Garant de la terreur Ton sang chaud coulera de mon sang froid, sur le champ d'horreur. Ton sang chaud coulera de mon sang froid. Ingéniosité monstrueuse et mortuaire. Génie de ta perte. Exécuteur des hautes œuvres. Décisionnaire de la peine de l'autre. Illustre aptitude à la destruction méthodique. Complais-toi dans ta dépravation et tu deviendras mon martyr. Tortionnaire, je serais ton bourreau.
29.
The sky has disappeared The sun turned black there's no more Hope so lets see the truth Blood, screams, pain Splinters of hate that pierce the heart/ Masses of people are watching the murders power/ Bothering of nothing but their self pleasure your wars our death living for nothing starving to exist Authority and slavery are on the same path they limit and destroy your life This hell is fire for many people even if you don't see it,death is upon you.
30.
Sopravvivere 01:47
Nessuno lascia la propria casa a meno che casa sua non siano le mandibole di uno squalo pronte a stritolarti. Quando vedi tutta la città correre col fiato insanguinato nelle loro gole, lasci casa tua quando è proprio lei a non permetterti più di starci. Fuoco sotto ai piedi, sangue che ti bolle nella pancia non avresti mai pensato di farlo... Non ci pensi fino a quando la lama non ti marchia di minacce incandescenti il collo. Dovete capire che nessuno mette i propri figli su una barca a meno che l' acqua non sia più sicura della terra! Sangue che ti bolle nella pancia, nessuno può resistere a tanto la tua sopravvivenza è più importante... Sopravvivere!
31.
Commence la semaine qu’en dites-vous, cher voisin commençons par le bon vin et finissons de même Vaut mieux moins d’argent chanter boire et rire rire vaut mieux moins d’argent chanter boire et rire souvent Notre curé nous prêche la sobriété du vin que le diable aie son latin il n’en boit bien lui-même Vaut mieux moins d’argent chanter boire et rire rire vaut mieux moins d’argent chanter boire et rire souvent Tous mes parents me grondent que je mange tout mon bien mais ils se trompent bien car je ne fis que boire Vaut mieux moins d’argent chanter boire et rire rire vaut mieux moins d’argent chanter boire et rire souvent Au compte des barèmes moi je n’ai rien perdu je suis venu tout nu j’y retourne de même Vaut mieux moins d’argent chanter boire et rire rire vaut mieux moins d’argent chanter boire et rire souvent Il lunedì la testa mi vacilla oh che meraviglia non voglio lavorar Martedì poi l'è un giorno di baruffa io c'ho della ciucca non voglio lavorar Mercoledì poi l’è il giorno seguente io non mi sento di andare a lavorar Giovedì poi l'è festa nazionale il governo non permette ch'io vada a lavorar Venerdì poi l'è giorno di passione io che son cattolico non voglio lavorar Venerdì poi l'è morto Gesù Cristo io non l'ho mai visto, non voglio lavorar Sabato poi l'è l'ultimo giorno oh che bel giorno, non voglio lavorar Domenica è arrivata, mi siedo sul portone aspetto il mio padrone che mi venga a pagar Padron l’è là che arriva, l'è tutto arrabbiato brutto scellerato, levati di qua! Noi siam della leggera e poco ce ne importa vadan sull'ostia la fabbrica e il padron! Le receveur de tailles dit qu’il vendra mon lit je me moque de lui je couche sur la paille Vaut mieux moins d’argent chanter boire et rire rire vaut mieux moins d’argent chanter boire et rire souvent Le père de la tulipe gardien des capucins nous dit que le bon vin vaut mieux que l’eau bénite Vaut mieux moins d’argent chanter boire et rire rire vaut mieux moins d’argent chanter boire et rire souvent Si ta femme querelle dis-lui pour l’apaiser que tu veux te griser pour la trouver plus belle Vaut mieux moins d’argent chanter boire et rire rire vaut mieux moins d’argent chanter boire et rire souvent Providence divine qui veille sur nos jours conserve-nous toujours la cave et la cuisine Vaut mieux moins d’argent chanter boire et rire rire vaut mieux moins d’argent chanter boire et rire souvent Noi siam della leggera e poco ce ne importa vadan sull'ostia la fabbrica e il padron!
32.
Scheletro 05:08
Volevo essere un fornaio Per impastare le mie forme Di come essere sostanza Di cosa sapere domani. Volevo essere un mago Senza conoscere dove andare Lo stupore negli occhi altrui Sarebbe stato il mio sidro. Volevo essere un gendarme Sentendomi così Un po’ profeta un po’ figlio di puttana A tenere le gabbiette in mano. Volevo essere un infermo Per potermi lavare nelle vasche delle ingiustizie altrui Per piangere addosso alle mie stesse mani. Ride il villaggio, ride Delle formiche rosse Sarebbe bello decidere tu dove stare In attesa di grandi risposte Mi hanno proposto un fondo per le speranze ed il futuro Talmente profondo da non veder la fine Così caldo da sentirlo giusto. Volevo essere un operaio Per non pensare a niente Per vedermi il giorno scivolare a fianco E il sorriso delle mogli dai loro letti Volevo essere un ubriaco Per baciare le mani Di chi da sotto le stelle Mi raccoglie sull’asfalto ogni sera Volevo essere un bambino per camminare scalzo per le vie del mio borgo senza calpestare le storie, le storie diverse da me. Volevo essere un prete, o santone Per scandire i passi del mondo Con le mie parabole lucenti E le mie fantasie intolleranti Balla il villaggio antico Tra canti, rose e venti Mi hanno promesso un altare Per i cinque continenti Balla il villaggio stanco Svendendo i propri ricordi Da bambino parlavo alle nuvole Con i miei nastri bianchi Volevo arrabbiarmi con Dio Come solo gli ebrei san fare Di colpo mi trovai nudo e sporco A grugnire come un animale. Volevo essere un cadavere annegato Per poter galleggiare sul fiume A guardare beato rigonfio Lo spegnersi placido dell’ultimo lume Vorrei per sempre da oggi Scagliare una pietra al cielo Rompendo quel vetro scuro Che da solo non mi rende sereno E voglio per sempre da ora! Camminare fianco a fianco Libero dal frastuono Di ogni disincanto Così pensava stupito Uno scheletro del proprio cuore Senza averlo senza tenerlo Lo sentiva pulsare d’amore Pulsava per ogni pensiero Per ogni sentimento vano rincorreva la libertà disgraziata con la sua ossuta mano.

about

Compilation Hardcore benefit to keep up the struggle against borders and center of detention for immigrants peoples in Italy.

We had a particular attention to build this compilation avoiding to call bands in which sexist persons play and we have decided not to open the co-production that who have defended or supported people that have acted violence against comrades and not only.
We are anarchist and not even of those nice.

credits

released June 13, 2018

All the tracks are been remastered by Tino Paratore at Cerchio Perfetto studio.

The LP is producted by Fabio Lupica from Over drive records.

The Cover and booklet are printed by Emiliano Bossi from HVRLabs.

The CD's are printed by Fede from Fast'N'Loud records.

Thanks to all the bands than have partecipate on this project, all the artists and all the label/comrades to have believe on this.

NUSI Crew!
Stay punx, keep up the struggles!

license

tags

about

Distrozione Torino, Italy

Distrozione nasce nel 2005 con l’idea di organizzare concerti e distribuire materiale informativo e musicale. Come ogni progetto, anche questo si pone degli obiettivi e cerca di perseguirli. Uno di questi è, appunto, di riuscire a creare una rete di sostegno economico per quei compagni che si spendono nelle lotte, diffondendo e dando eco a iniziative di conflitto e solidarietà attiva. ... more

contact / help

Contact Distrozione

Streaming and
Download help

Report this album or account

If you like Non un sasso indietro Vol.II, you may also like: